Questo è un post che volevo scrivere da davvero molto tempo.

Vedo ogni giorno molti youtuber che si lamentano del fatto che non riescono a far aumentare gli iscritti ai propri canali… ma… indovina un po’? Esatto!

Non fanno esattamente nulla per far in modo di ottenere più visibilità su YouTube! Ed è proprio in questo post, che voglio mostrarti una delle tecniche più efficaci in assoluto per aumentare gli iscritti al canale youtube (in poco tempo).

Quindi che vuoi fare? Continuare a lamentarti dei tuoi 500 iscritti, o leggere questo post?

Si parte!

aumentare iscritti canale youtube collaborazioni

Credo che attualmente la situazione sia molto diversa rispetto a qualche anno fa, la classica “”strategia”” del:

  1. Creo un video
  2. Lo carico
  3. Non faccio nulla, spero semplicemente che il successo arrivi da solo

Ritengo faccia veramente fatica a funzionare (salvo rari casi in cui i contenuti sono talmente strepitosi, che è sufficiente ricevere una manciata di visitatori casuali, i quali, stupefatti, ti condivideranno ovunque).

Quindi che fare per farsi conoscere dal grande pubblico?

Beh di cose da fare ce ne sono anche troppe, e probabilmente stai anche commettendo i classici errori che ostacolano il successo.

O forse… il tuo canale non diventerà mai famoso, a prescindere dalla qualità del video?

Ma in questo articolo ti voglio svelare una strategia molto efficace e molto veloce per aumentare i tuoi iscritti.

Cosa?

Le collaborazioni, naturalmente.

Il pubblico c’è, il problema è che sta negli altri canali.

Come fare a rubare un po’ di pubblico e “portarselo a casa”?

Ovviamente collaborando con canali simili al tuo! Facendo qualche video insieme.

Ma come fare?

Mettiti a cercare

“Se se un giorno forse lo farò”

Mettiti a cercare subito canali simili al tuo, cioè:

  • L’argomento trattato deve essere lo stesso (o comunque molto simile)
  • Il numero di iscritti dovrebbe essere simile o leggermente superiore (Chiedendo, tu o piccolo canale da 1.000 iscritti, una collaborazione con un canale da 250.000… nella migliore delle ipotesi, potresti forse ricevere un bel vaf*!#lo).
  • Lo stile nel fare video deve essere simile (Un professionista con video noiosi ed estremamente approfonditi con termini tecnici, andrebbe poco d’accordo con un canale comico con siparietti da 4-5 minuti).

A questo punto non ti basterà che contattare il prescelto.

Se il tuo canale sarà di suo gradimento, dovrebbe accettare senza troppi problemi.

Tipi di collaborazione

Esistono diversi tipi di collaborazione su YouTube

  1. Si crea un video insieme e lo si carica solo sul tuo canale.
  2. Si crea un video insieme e lo si carica solo sul suo canale.
  3. Si crea un video insieme, lo si “spezza” a metà, e si carica metà in un canale e metà nell’altro.

Secondo la mia esperienza, le collaborazioni più efficaci sono quelle appartenenti al primo e al terzo tipo. Anzi, soprattutto il terzo, credo sia particolarmente efficace.

Ora segui il ragionamento:

Nel primo e terzo tipo, gli iscritti all’altro canale si ritroveranno direttamente sul tuo a dover guardare il video. In questo modo, l’iscrizione sarà ovviamente molto più semplificata. Il bottoncino da cliccare è appena li sotto, è così facile premerlo…

Mentre invece, nella collaborazione di secondo tipo, gli iscritti all’altro canale guarderanno il video sul canale al quale sono già iscritte.

É sempre un’ottima cosa, ti farai conoscere, ma solo una parte si prenderà la “briga” di andare a cercare il tuo canale per poi iscriversi.

Perchè le collaborazioni di terzo tipo sono più efficaci di quelle di primo tipo.

Prova a pensare…

Come faranno gli iscritti all’altro canale a trovare il tuo video? Il tuo collaboratore (possiamo chiamarlo così?) come farà a far sapere ai suoi iscritti che compare in un tuo video?

Con le condivisioni social…?

Ceeeeeerto, a parte che la pagina facebook quasi sempre ha molti meno fan rispetto a YouTube, e poi vogliamo anche solo provare a parlare della portata ridicola?

Se il canale ha 10k, la pagina facebook avrà 3k e la condivisione del video la vedranno in 2-300 se va bene…

Spezzettando il video a metà invece (collaborazione di terzo tipo), tutti gli iscritti di YouTube avranno la possibilità di vederlo. Guarderanno la prima parte e se il video è di loro gradimento, continueranno la visione sul tuo canale 😉

Poi sta a te convincerli a farli iscrivere. 😀

Perchè le collaborazioni sono efficaci

Semplice.

Non è altro che pubblicità:

  • gratuita
  • non invasiva (stai offrendo un contenuto di qualità, si presuppone)

Ma soprattutto, stai facendo tutto questo verso un pubblico fortemente disposto a seguirti, perchè è interessato a quello che proponi nel tuo canale!

(Prima ti ho detto di cercare collaborazioni con canali che trattassero i tuoi stessi argomenti e con uno stile simile al tuo, ricordi?)

“Va bene Tom, mi hai convinto. Un giorno lo farò, cercherò qualcuno disposto a collaborare…”

NO! Sta proprio qui la fregatura.

Adesso (non tra poco, ADESSO) apri una nuova pagina del browser e mettiti a cercare tutti i canali simili al tuo.

Segnateli su un pezzo di carta e analizzali uno ad uno con attenzione.

A questo punto non ti resta che cominciare con il contattare il primo, poi vedi come va e prosegui con il lavoro…

come aprire un canale youtube

Un trucchetto per chiedere la collaborazione in modo efficace.

Non è sempre così facile ottenere collaborazioni, per questo voglio svelarti un trucchetto per aumentare le tue possibilità 😉

Per visualizzarlo ti chiedo un semplice “+1”, niente di complicato ;-D

Mi raccomando, non saltare questa ultima parte. Può veramente fare la differenza… in tutta la tua carriera da YouTuber!

 

Bene, questo è l’ennesimo post da più di 1.100 parole. Spero che ti sia stato utile.

Per ripagarmi dell’impegno, ti chiedo una condivisione. Per me significa molto 😉

 

Detto questo, se l’articolo ti è piaciuto ti invito ad iscriverti a newsdayoutube e se pensi che articoli come questi possano esserti utili, ti consiglio di dare un’occhiata a questa categoria del blog, sono sicuro che troverai qualche pillola interessante.

Per il resto nulla, lascia un commento per farmi sapere cosa ne pensi e seguici sui social.

A presto 😉

Tommaso.


Ah mi scuso, ma il 20% nel titolo, è servito a farti cliccare e leggere il post. Spero che ne sia valsa la pena 😀

 

Ti potrebbe interessare anche l’articolo: “Quanto paga YouTube” di Emanuele Perini

loading...

Commenti

Commenti

Commenti

Comments are closed.

Post Navigation