Ci si impegna sempre di più per aumentare i fan sulle pagine facebook, ma c’è un piccolissimissimo problema: in media, facebook mostra quello che postiamo al 5% del totale dei nostri fan.

Come fare quindi per aumentare la portata dei post su facebook? Per aumentare la nostra visibilità sul social network più utilizzato al mondo?

Se riuscirai a leggere tutto questo post, dall’inizio alla fine senza perderti tra altri 1000 siti ed altre informazioni sparse per il web, hai la mia parola che la portata delle tue pagine su facebook aumenterà, e in molti casi neanche di poco.

Are you ready?

Via!

come aumentare la portata dei post su facebook

Premessa importante

Quando all’interno dell’articolo ti parlerò di interazione, intendo (in ordine di importanza/rilevanza secondo facebook):

  1. Condivisioni
  2. Commenti
  3. Mi piace
  4. Click sul link
  5. Click sul post

(Esatto, anche i semplici click vengono considerati come interazione 😉

Facebook odia quando qualcuno se ne va

É già, l’obiettivo di facebook è far in modo che le persone restino più tempo possibile all’interno del sito e che visualizzino il maggior numero di pagine possibile.

Cosa succede quando cerchiamo di portare via le persone da facebook?

Che facebook ci ammazza il post e non lo fa vedere quasi a nessuno.

Quindi, prima regola:

Postare il minor numero di link esterni possibili all’interno dei nostri post.

Possiamo condividere link solo quando dobbiamo portare traffico verso il nostro sito/canale youtube e quando siamo sicuri che il link condiviso piacerà moltissimo ai nostri fan.

Infatti facebook tiene moltissimo all’esperienza degli utenti (ovvio, se si trovassero male, ci trascorrerebbero meno tempo) e se vede che un link condiviso viene molto apprezzato, “farà uno sforzo” ed aumenterà la portata.

Linkare altre pagine facebook

Come ti ho accennato prima, per facebook è importante anche che gli utenti visitino quante più pagine possibile all’interno della piattaforma.

Se con i tuoi contenuti aiuterai facebook a fare il suo gioco, te ne sarà grato e ti regalerà visibliltà 🙂

Quindi:

Condividi post di altre pagine (foto, video, stati) e quando le citi all’interno dei tuoi post, non dimenticare di taggarle (usando la @).

Inoltre sarebbe meglio se le pagine che linki avessero un alto numero di “persone che ne parlano”, questo per Facebook è un importante fattore di qualità della pagina. Solitamente le pagine con questo valore molto alto, sono quelle con maggiore visibilità 😉

Trovi questo parametro all’indirizzo

https://www.facebook.com/NOMEPAGINA/likes

oppure tra le tab della pagina, clicca sulla voce “persone a cui piace”.

Ad esempio:

https://www.facebook.com/newsdayoutube/likes

Puntare molto sull’interazione iniziale

Quando pubblichi qualcosa su Facebook, quest’ultimo fa una specie di test:

Fa vedere immediatamente ciò che hai postato ad un piccolo numero di persone (circa 100 per quanto riguarda la mia pagina da 3.300 like, ma questo dipende da tantissimi altri fattori).

Soltanto per vedere che tipo di interazione iniziale riceve il post.

Poi che succede?

Se il post non se lo caga nessuno, allora facebook interrompe la diffusione (ipotizzando che non sia un post di qualità, e quindi non gli conviene farlo vedere ad altre persone).

Se invece il post raggiunge qualche interazione subito all’inizio, facebook ipotizza che si tratta di un post di qualità e quindi aumenta poco a poco la visibilità. Quando le interazioni si interrompono, si interrompe anche la diffusione.

Quindi?

Appena pubblichi un post, cerca di far in modo che subito abbia qualche interazione, i primi minuti dopo la pubblicazione sono i più decisivi.

Tempo come fattore

Da qualche settimana, facebook ha deciso di contare il tempo trascorso sui contenuti di una pagina come uno dei fattori per determinare ciò che un utente deve vedere nel newsfeed.

In pratica il tempo è diventato una sorta di interazione.

Più tempo un utente passa sui contenuti di una certa pagina, più è probabile che lo stesso utente visualizzerà i prossimi contenuti di quella pagina nel newsfeed.

Quindi?

Potrebbe essere una buona cosa scegliere dei contenuti che richiedano qualche secondo in più per essere consumati (senza esagerare, mi raccomando, altrimenti gli utenti potrebbero ignorarli del tutto… Si sa, siamo pigri. Soprattutto quando siamo su facebook).

Ad esempio, che ne so.

Dei piccoli video, delle vignette, dei piccoli pensieri di qualche riga…

Qui trovi il comunicato ufficiale della notizia.

Frequenza

Ci sono blog che consigliano di postare 1 volta al giorno, altri 10 volte al giorno…

Ma secondo me non esiste una frequenza esatta e precisa.

Dipende molto dall’argomento, dal pubblico, dai contenuti ecc.

Il mio consiglio è – a prescindere da tutto – di non postare meno di 1 volta ogni 2-3 giorni.

Infatti l’edgerank (algoritmo di facebook che determina cosa un utente debba visualizzare in homepage) tiene conto dell’età delle interazioni. Mano a mano che passa il tempo il valore dell’edgerank si abbassa e meno persone vedranno quello che viene pubblicato.

Per questo è importante essere frequenti: gli utenti hanno più possibilità di interagire e quindi il valore dell’edgerank si alza 🙂

Un premio per chi condivide! 😉

Qui ho riservato una delle migliori tecniche e “trucchetto del mestiere” per ottenere maggiore visibilità su Facebook.

É il mio ringraziamento per la tua condivisione 😀

 

Bene, come al solito, spero di averti aiutato il più possibile 🙂

Se vuoi essermi d’aiuto, ti chiedo una semplice condivisione di questo post 😀

Grazie 🙂

Alla prossima,

Tommaso.


loading...

Commenti

Commenti

Commenti

Comments are closed.

Post Navigation