All’uscita del secondo video di Francesco Sole: “L’amore ai tempi di whatsapp” Francesco Facchinetti, Guglielmo Scilla (willwoosh), Frank Matano ecc. condivisero il suo video facendogli acquisire nel giro di poche ore, una bella quantità di visualizzazioni.

Da quel momento, Francesco Sole venne etichettato da tantissime persone come un raccomandato, anzi, da molti quasi come “il raccomandato per eccellenza”.

Quando uscì il libro di Francesco Sole successe una cosa simile, ma questa è un’altra storia.

 

Il titolo “Francesco Sole NON è un Raccomandato” è volutamente molto provocatorio, in questo modo sono riuscito ad attirare la tua attenzione, vero?

Ma…  il titolo più completo e preciso sarebbe: “Francesco Sole sarebbe diventato famoso comunque, anche senza raccomandazioni“.

Ultima premessa prima di iniziare:

Quando nel post si fa riferimento a Francesco Sole, si intende il progetto, quindi tutto il team che sta intorno a Gabriele.

Ok basta, ora si parte davvero!

Francesco Sole è un raccomandato?

Sì.

Ehi aspetta, so cosa stai pensando, continua a leggere!

Francesco Sole è famoso perché è stato raccomandato?

Ed è proprio su questo che vorrei soffermarmi in questo post.

Secondo me, la raccomandazione iniziale di Francesco Sole è servita solo per accelerare quella fase di crescita, che tutti gli YouTuber (o web-star in generale) devono inevitabilmente affrontare. Ovvero quella fase (più o meno breve, a seconda dalla qualità dei video) in cui inizialmente, non si viene considerati da nessuno. Ma poi, piano piano, iniziano ad arrivare le prime visualizzazioni, commenti, iscritti ecc.

Qual è stata la mossa vincente?

Indirizzare il traffico derivante dalle prime condivisioni (o raccomandazioni) verso un prodotto studiato nel minimo dettaglio, ottimizzato per il web e bello. (Si, ho detto bello, continua a leggere). Qualcosa di comprensibile e condivisibile da tutti! Io ad esempio, non ho conosciuto Sole perché seguivo Facchinetti o la Lucarelli, ma perché quel giorno la mia bacheca di Facebook era invasa da condivisioni di quel video da parte dei miei amici.

Io stesso mi iscrissi al suo canale (e condivisi il video, mi sembra)! Ero rimasto talmente colpito dal fatto che un ragazzo sapesse realizzare dei video così belli, che non ci pensai su due volte prima di cliccare sul pulsantino rosso.

É anche vero che ero rimasto talmente colpito dal video realizzato così bene, che mi sono dimenticato di guardare al contenuto, ma fu questione di poco…

Magari non piace a me, magari non piace a te, ma è un tipo di video indirizzato ad una fascia d’utenza molto vasta su YouTube e Facebook (Giovane, ingenua, superficiale e prevalentemente femminile)! Il contenuto (dal punto di vista “di marketing”) è eccellente! Non ci sono dubbi. Hanno fatto centro. Completamente.

Video realizzato benissimo, musica usata al meglio, da un bel ragazzo, che parla di temi attuali, di “”problemi”” che abbiamo tutti, di servizi che usiamo tutti  e per giunta, con la personalità giusta!

Il risultato?

BOOOM

Schermata 2014-12-17 alle 19.24.26

Puoi dirmi quello che vuoi, ma in una cosa sono completamente d’accordo con la Lucarelli:

Anche fosse spinto, avesse padrini, fosse un progetto, pensate che Francesco Sole si possa imporre? Se c’è una cosa che so del web e perdonatemi, ma qui ne so più di voi, è che se un personaggio o un progetto non piacciono, ci si possono investire sopra anche 20 milioni di euro con campagne, like al chilo e padrini importanti, ma non decolla. Io ho spinto tantissimi progetti di amici perché erano davvero amici, ma sono decollati solo quelli che per ragioni varie piacevano spontaneamente. Se Francesco ha un milione di like su fb è perché piace, fatevene una ragione. Se ha copiato delle cose ha sbagliato, ma credo abbia imparato la lezione.

Dopo anni di esperienza su YouTube posso confermare in pieno questa teoria.

Ho tantissimi esempi di ragazzi, condivisi a destra e a sinistra da YouTuber maggiori (perchè loro amici), ma facendo video brutti (o perlomeno, con un pubblico potenziale basso), sono passati da 500 a 1.000 iscritti, e dopo anni a 2.000.

E vi assicuro che, ce ne sono alcuni che ho visto essere sponsorizzati davvero da un sacco di YouTuber, tante volte!

 

Se Francesco Sole non avesse avuto quelle “spintine” iniziali, ma solo le condivisioni sul suo profilo facebook e quelle dei suoi amici (possibilità che all’inizio hanno tutti), scommettiamo che sarebbe arrivato comunque al milione di likes su Facebook? Scommettiamo? La mossa vincente è stato il contenuto perfetto, non le condivisioni iniziali importanti. Un giorno, i suoi video sarebbero arrivati comunque alla massa.

La vera raccomandazione, gliel’avete fatta voi! Anzi, noi! (Si, anche con i video dove ci si lamenta del fatto che abbia troppi iscritti, che è raccomandato e gne gne gne).

Per quanto riguarda le sue apparizioni in TV (quella a Tu si que vales in particolare), è anche merito di Facchinetti & Co. Non sarebbe mai apparso se non avesse avuto questo enorme seguito su internet. Neanche con Facchinetti alle spalle, posso assicurartelo.

Ed il successo, ti ripeto, glielo abbiamo dato noi. Non Facchinetti e la Lucarelli.

 

E prima che qualcuno venga a commentare: “Ma tu sei un bimbominkia fan di francesco sole gne gne, sta zitto coglione, è solo un raccomandato gne gne”,

Vi dico subito di no, non è affatto così. I suoi video non mi piacciono. Sono pieni di frasi fatte e spesso copiati da altri video. Stessa cosa per le sue finte frasi filosofiche sui post-it e quasi sempre copiate da qualcun altro.

Sto solo cercando di esprimere un mio giudizio (forse definitivo) sulla storia “Francesco Sole raccomandato”.

E nel caso ve lo steste chiedendo, mi schiero dalla parte di Dellimellow per la questione #selvaggianonmentire.

Penso che ci siano tanti punti di vista sulla questione, io la penso così. Tu invece? Lascia un commento qua sotto! 🙂

E se sei d’accordo con me, condividi! 🙂



Siamo anche sui social


 

 

loading...

Commenti

Commenti

Commenti

  • http://leprechaun.tk/ Leprechaun

    La critica va alla presa per il culo sommata alla raccomandazione, la questione è ben diversa.
    Dite quello che volete ma non è corretto provare a prendere in giro il popolo del web.
    Non puoi creare un progetto (ci sono le prove), spingerlo, raccomandarlo e poi dire “il ragazzo si è fatto da solo”, non esiste, è uno schiaffo a chi veramente si è impegnato fino ad oggi per emergere.
    Fine del discorso.

    • TommasoTosi

      Si certo, su questo siamo tutti d’accordo, ma non è questo il punto del discorso. Questo è per quanto riguarda #selvaggianonmentire

      L’articolo voleva passare un messaggio diverso

Post Navigation