meritocrazia-youtube

Basta.

Questa storia che la meritocrazia deve “valere” anche su YouTube è una cazzata.

La vera meritocrazia premierà i canali solo a lungo termine quando avranno già intercettato una grossa parte del pubblico.

Ma non si può pretendere di avere visibilità solo “facendo video di qualità”.

Siamo su internet, ed anche qua esiste una cosa chiamata “marketing”.

All’inizio le visualizzazioni si fanno in modo “scientifico” e facendo:
• Collaborazioni
• SEO
• Social Media Marketing

Basta continuare a credere a sta mega stronzata ormai troppo ricorrente. Se fai video di qualità e basta, stai fresco amico mio. Sei nella merda.

Si lo so… tutti sono brutti e cattivi e tu non hai la visiblità che meriti, i raccomandati, la cashta ecc. poverino…

La visibilità è di chi se la sa costruire.

Vuoi diventare famoso su YouTube?

Bene, diamo per scontata la qualità dei tuoi video. Quella fa la differenza solo DOPO che la gente ti ha scoperto. Non prima.

Per fare carriera su YouTube, quindi, devi essere bravo in due cose.

La prima consiste nel creare il video di qualità, divertenti ecc.

La seconda sta nel saperlo promuovere correttamente.

Datti una mossa. Cazzo.

E poi, vogliamo proprio parlare del tanto famigerato “video di qualità”?

Ma qualità di che? Cosa significa?

Ho visto centinaia di canali essere reputati di qualità, ma che in realtà sono noiosi e non adatti alla “massa”. E infatti avevano pochi iscritti.

Anche la qualità non è sufficente.

Il video deve avere un tempo, un ritmo adeguato.

Deve essere adatto al tuo target.

Deve essere un video corretto in tutto e per tutto, la qualità non significa nulla. Il 99% dei canali di qualità, in realtà fanno schifo.

E una volta che ti sei distinto dal 99% dei canali di merda su YouTube…

Ti devi distinguere anche dal 99% (di quell’1% che era rimasto da prima) dei canali di qualità…

Una volta raggiunto questa situazione (più unica che rara)…

Sei pronto per diventare bravo nella comunicazione on-line. E non è troppo corretto neanche chiamare “marketing” questa cosa qua. Il marketing è finalizzato alla vendita, ma tu non vendi nulla (anche se dovresti, ma questa è un’altra storia).

Vieni giù dal pero, cazzo.

Fare lo YouTuber non è facile come sembra. Per essere uno Youtuber di successo hai bisogno di sviluppare molte altre abilità che vanno ben oltre il “saper fare video”.

Ora non me ne frega se odi leggere e l’unico libro che hai letto fino ad ora è quello delle barzellette di Totti.

Se hai deciso di fare sul serio vai su Amazon e riempiti di libri di formazione. E se non lo fai, ti meriti il tuo insuccesso.

Non metto neanche nessun link affiliato, questo post è disinteressato. L’ho scritto solo per fare del bene a più gente possibile. Gratis, senza affiliazione e non voglio venderti nulla. É un regalo in tutto e per tutto.

Ti chiedo solo di condividerlo. Grazie.

Tom.

loading...

Commenti

Commenti

Commenti

Comments are closed.

Post Navigation